Passa ai contenuti principali

Ophiura: tra classic metal e tribalità


Tecnici, puliti ed innovativi. Ecco tre aggettivi per descrivere quelli che sono gli Ophiura, gruppo metal del panorama ferrarese, con all'attivo 2 album, Ancestral Whispers e BeMind.

Ancestral Whispers, primo disco della band, propone un metal classico e pulito con una strumentale lineare ed una voce potente e graffiante che ricorda a volte Timo Kotipelto degli Stratovarious. Il punto a sfavore di quest'album è che non propone nulla di nuovo rispetto a quello che può offrirti un gruppo metal qualunque,in ogni caso però è da premiare la cura dei dettagli e la raffinatezza delle incisioni. BeMind, il loro secondo disco, è un concept che riesce, raccontando una storia, a immergere appieno l'ascoltatore in un viaggio musicale di un'ora, nel quale si possono percepire emozioni diverse e contrastanti. Questo secondo lavoro in studio è l'esempio che l'esperienza fa la sua parte in quella che è la formazione musicale poiché qui abbiamo un gruppo maturo che ha voglia di dire qualcosa.


Si compone di 14 tracce nelle quali si possono riscontrare le varie influenze del gruppo, arrivando anche a raggiungere componenti epic metal. Tastiere altisonanti, basso presente in linee molto suggestive e una chitarra con ritmi incalzanti e riff chiari e puliti riescono a dare a quest'opera una sua originalita in quello che è il panorama underground attuale. Come consigli per l'ascolto degli Ophiura mi sento di proporre due brani che riusciranno a modo loro a far capire di che pasta sono fatti questi ragazzi: Figures Pt.1 ME, song molto melodica e potente; Crossroads, altrettanto vigorosa con un sound molto tribale, nella quale figura la collaborazione con lo storico cantante rock/metal Michele Luppi.

In conclusione possiamo dire che questa band con le sue potenzialità riuscira a far parlare di sè, in un periodo nel quale il metal sta riprendendo piede, riuscendo ad arrivare a una fascia di publico molto piu ampia.

A cura di Firefly




https://www.facebook.com/ophiura?fref=photo

http://www.ophiuramusic.com/




  



Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters

Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.
Genere: rock/pop rock/hard rock Label: iM Classic (EU) Distribuzione: iM Classic (EU)
Streaming https://soundcloud.com/user-226312848/sets/endless-mirage https://open.spotify.com/album/4xS10nhXrMPCo2oeiI31et

Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.
Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.
Il disco si apre con Endless e continua s…

La vita, il futuro e l'amore secondo LorisDalì: esce Gekrisi, secondo disco del folksinger torinese

Secondo disco per il cantautore piemontese che con il suo folk variopinto e tagliente racconta le tante facce della nostra vita e le diverse storie del quotidiano filtrate dalla consueta dose di ironia e cinismo.
Genere: cantautorato, folk pop Label: Autoproduzione Release Date: 21.11.16
Streaminghttps://soundcloud.com/i-dal/sets/gekrisi/


Esce Gekrisi, il nuovo disco del cantautore LorisDalì.
Disponibile, tramite Zimbalam, su iTunes e su tutti gli store digitali, il lavoro segue Scimpanzé, uscito a gennaio 2015, e rimane sulla falsariga del cantautorato folk, abbandonando definitivamente ogni derivazione rock che in qualche modo era presente nel suo predecessore. Ma di solo cantautorato folk non si tratta, LorisDalì cerca infatti di rendere il disco sfaccettato, sia per i generi che per le trovate musicali, cantate e recitate.
Ecco quindi Altri tempi, interpretata dal padre del cantante, oppure la terrificante presa in giro di Tension, Un tango qualunque, il mezzo blues di Jack Risi, la canz…