Passa ai contenuti principali

" Edith a.u.f.n "

L'album degli abruzzesi Edith, "Aufn".

By Mik

Edith a.u.f.n. Appena lo leggi non riesci a capire dove finisce il nome del band e inizia quello dell'album. Risolvi solo più tardi capendo che, semplicemente, l'album prende il nome del gruppo. Ti dimentichi comunque subito del “problema” quando inizi ad ascoltare le tracce che contiene; l'impatto è immediato.

Il primo lavoro, uscito per Seahorse Recordings, di questa giovanissima band di Chieti, ha l'arroganza di chi si porta appresso qualche anno di esperienza sul palco e la sfrontatezza di chi, nello sperimentare un mix tra psichedelico e progressive, non ha nulla da perdere e, anzi, a conti fatti gli riesce pure bene. Insieme sin dal 2005, gli Edith a.u.f.n. hanno impiegato ben 8 anni prima di costruire questo soffice letto armonioso e crudo composto da 12 brani che sono senz'altro il frutto della maturità raggiunta in questo lasso di tempo, gli sforzi che regalano un risultato finale concreto e coerente. Coerenza che è infatti il punto di forza del disco; una favola, accompagnata da arpeggi capaci di creare un atmosfera avvolgente che nulla potrebbero senza la voce di Matteo Dossena, dove vengono descritte, in modo chiaramente nichilista (ci mancherebbe), la società e il mutamento costante delle opinioni e del comportamento della gente, mettendo in primis l'autocritica con onesta semplicità.

Gli Edith, da Chieti

L'album inizia con 'Tram Tram', in cui la ritmica è travolgente e il titolo non delude le aspettative. 'Mezz'ora' è una delle prime tracce che, a mio parere, spicca particolarmente; una piccola riflessione personale dove il cantante decide di mettersi a nudo e, guardandosi negli occhi di fronte allo specchio, decide di tirar fuori tutto ciò che di marcio c'è da tirar fuori, senza aver paura di affrontarsi. Tutte le canzoni reggono in una linea melodica che non esce mai di tono, serrata, forse anche un po' troppo. L'ultima traccia; 'Capture' , in inglese, è probabilmente l'unica canzone a staccarsi un po' dal lavoro complessivo, si sente infatti più l'influenza grunge di Sonic Youth e Nirvana. Il giudizio finale è dunque molto positivo e soddisfacente. Come primo lavoro c'è solo da inchinarsi e tirar giù il cappello. Non ci resta, quindi, che goderci questo album d'esordio e aspettare di vedere, con la dovuta curiosità e trepidazione, quale maturità di composizione questi ragazzi abruzzesi raggiungeranno con il prossimo lavoro in studio..con la speranza di non dover aspettare altri 8 anni!





Commenti

Post popolari in questo blog

Gli America protagonisti dal vivo in Italia ad Agosto!

Blob Agency & Slang Music
presentano

Gli America in concerto in Italia!

In occasione del 40° anniversario, tornano nel nostro paese per un'unica data gli America, la mitica band anglo-statunitense di"A Horse With No Name", "Sister Golden Hair", "Survival" e "You Can Do Magic". Il gruppo, reduce dall'ultima tourneé americana, è impegnato in una lunga serie di date negli States; dopo tre concerti in Francia e all'indomani della data in Israele, sarà la volta dell'Italia. L'inizio del concerto degli America è previsto per le ore 21 e 30 , con possibilità di posti a sedere sin dalle ore 19,00. Gli attuali membri originari degli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, dopo la scomparsa, nel 2011, di Dan Peek.
5 agosto 2014 Ore 21.30 Porto Turistico di Boretto, Lido Po (RE) Prezzo biglietto : €uro 25,00 + diritti prevendita


Figli di padri americani e madri britanniche, i tre futuri "America",Gerry Beckley, Dewey Bunnell…

Sharazad: "Saz" è il nuovo EP tra pop psichedelico, post rock, kraut e avant-garde.

Secondo lavoro in studio per la band pavese che al pop psichedelico in chiave Sixties degli esordi mescola adesso l'oscurità orchestrale del post rock e un approccio melodico più libero dalla forma canzone. Un sound evocativo, denso e poderoso in cui fanno la comparsa echi tenebrosi dei primi anni 80 e una sorta di verve kraut e avant-garde.
Genere: rock/alt-rock/experimental Etichetta/Distribuzione: Lady Blue Records Release Date: 18/07/2016
Spotifyhttps://play.spotify.com/album/0pMQUtvAJGc3ZTdLXPQUOE
iTuneshttps://itunes.apple.com/it/album/saz-ep/id1132004653?l=en

Esce il 18 luglio per Lady Blue Records il nuovo, atteso lavoro degli Sharazad, secondo EP di quattro tracce dal titolo Saz.
Il gruppo pavese ci propone la sua evocativa miscela di alternative rock, psichedelìa e post rock. Il singolo scelto per presentare il nuovo EP è You Will Never Know, brano disco-stoner in chiave surf, accompagnato da un originale videoclip completamente autoprodotto, ideato e girato da Alessandro Mo…

Tra rock e ribellione: esce Apologia del calore, nuovo album dei Quarzomadera

Un disco decisamente orientato verso l’alternative rock di matrice stoner, con testi (ancora rigorosamente in italiano) sempre più ribelli e critici nei confronti della società contemporanea.
Etichetta: Discipline Edizioni musicali: Discipline Distribuzione fisica: Master Music s.r.l Distribuzione digitale: Believe Release Date: 30.05.2016
Streaming https://soundcloud.com/quarzomadera/sets/apologia-del-calore

Esce il nuovo album dei Quarzomadera dal titolo Apologia del calore.
8 brani decisamente orientati verso l'alternative rock di matrice stoner, con testi (ancora rigorosamente in italiano) sempre più ribelli e critici nei confronti della società contemporanea. Il release party è fissato per il 30 aprile @ Arci Scuotivento di Monza.
Registrato e mixato lo scorso febbraio al Frequenze Studio di Monza è questo il disco più forte, potente e diretto della band lombarda composta da Davide Sar (voce, chitarra, bass & keyboards programming) e Tony Centorrino (batteria, percussioni). Idealm…