Passa ai contenuti principali

" Edith a.u.f.n "

L'album degli abruzzesi Edith, "Aufn".

By Mik

Edith a.u.f.n. Appena lo leggi non riesci a capire dove finisce il nome del band e inizia quello dell'album. Risolvi solo più tardi capendo che, semplicemente, l'album prende il nome del gruppo. Ti dimentichi comunque subito del “problema” quando inizi ad ascoltare le tracce che contiene; l'impatto è immediato.

Il primo lavoro, uscito per Seahorse Recordings, di questa giovanissima band di Chieti, ha l'arroganza di chi si porta appresso qualche anno di esperienza sul palco e la sfrontatezza di chi, nello sperimentare un mix tra psichedelico e progressive, non ha nulla da perdere e, anzi, a conti fatti gli riesce pure bene. Insieme sin dal 2005, gli Edith a.u.f.n. hanno impiegato ben 8 anni prima di costruire questo soffice letto armonioso e crudo composto da 12 brani che sono senz'altro il frutto della maturità raggiunta in questo lasso di tempo, gli sforzi che regalano un risultato finale concreto e coerente. Coerenza che è infatti il punto di forza del disco; una favola, accompagnata da arpeggi capaci di creare un atmosfera avvolgente che nulla potrebbero senza la voce di Matteo Dossena, dove vengono descritte, in modo chiaramente nichilista (ci mancherebbe), la società e il mutamento costante delle opinioni e del comportamento della gente, mettendo in primis l'autocritica con onesta semplicità.

Gli Edith, da Chieti

L'album inizia con 'Tram Tram', in cui la ritmica è travolgente e il titolo non delude le aspettative. 'Mezz'ora' è una delle prime tracce che, a mio parere, spicca particolarmente; una piccola riflessione personale dove il cantante decide di mettersi a nudo e, guardandosi negli occhi di fronte allo specchio, decide di tirar fuori tutto ciò che di marcio c'è da tirar fuori, senza aver paura di affrontarsi. Tutte le canzoni reggono in una linea melodica che non esce mai di tono, serrata, forse anche un po' troppo. L'ultima traccia; 'Capture' , in inglese, è probabilmente l'unica canzone a staccarsi un po' dal lavoro complessivo, si sente infatti più l'influenza grunge di Sonic Youth e Nirvana. Il giudizio finale è dunque molto positivo e soddisfacente. Come primo lavoro c'è solo da inchinarsi e tirar giù il cappello. Non ci resta, quindi, che goderci questo album d'esordio e aspettare di vedere, con la dovuta curiosità e trepidazione, quale maturità di composizione questi ragazzi abruzzesi raggiungeranno con il prossimo lavoro in studio..con la speranza di non dover aspettare altri 8 anni!





Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Metamorfosi - La luce del cambiamento: esce il nuovo singolo "Light"

Terzo estratto dall'album Chrysalis della band laziale, un piccolo elogio indie pop a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie.
Genere: indie/rock Etichetta: Mauna Loa Distribuzione digitale: Believe
Immagina di trovarti in una caverna buia dove il tuo unico punto di riferimento è un piccolo spiraglio di luce, ecco quella è Light.
Light è un piccolo elogio a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie. Il mondo corre e si rincorre senza una meta precisa e invece abbiamo bisogno di fermarci a cogliere le sfumature, ascoltare la nostra anima, cercare la nostra meta, la nostra "Light".
La melodia di questo brano, come racconta la band, è nata tempo fa giocando attorno al tema di Blue In Green di Miles Davis e Bill Evans. In fase di arrangiamento poi v'era il desiderio di trovare qualcosa che spezzasse il mood del resto del disco in registrazione.
Volevamo un groove sostenuto e un riff sbilenco, un qualcosa di più cattivo che ci ricordasse i …

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters

Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.
Genere: rock/pop rock/hard rock Label: iM Classic (EU) Distribuzione: iM Classic (EU)
Streaming https://soundcloud.com/user-226312848/sets/endless-mirage https://open.spotify.com/album/4xS10nhXrMPCo2oeiI31et

Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.
Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.
Il disco si apre con Endless e continua s…