Passa ai contenuti principali

IVAN MIHALJEVIC & SIDE EFFECTS


BY NANA ARIMA.

Tre ragazzi, età media: 25 anni, provenienza: Zagabria (Croazia). Insieme hanno ottenuto gli elogi della critica e della press del settore, ma anche radio e tv non se li sono fatti sfuggire (come Rock TV, HRT1 e 2 o radio KL erodom, radio hr3 e tante altre ancora... ), inoltre presi singolarmente i ragazzi non sono da meno:

ALEN FRLJAK (batteria) insegna batteria al Modern Rock Istitute di Zagabria e come batterista nelle session. Con il gruppo INCITER ha suonato come open act per LAMB OF GOD e PARKWAY DRIVE. MARKO KARACIC (basso) suona anche in altre famose band croate: BIG ROCK, UNDERCODE e IVAN SPELJAL JITZ. IVAN MIHALJEVIC (voce e chitarra) è anche produttore e compositore. Ha iniziato a suonare con la sua band (HARD TIME) al WAKEN OPEN AIR, il più grande festival heavy metal europeo, nel 2005, il tutto a soli 18 anni! A ciò si aggiungono gli open act per band come gli SCORPIONS, THE CULT e TITO & TARANTULA girando poi l’Europa per ben due volte.

Nel 2008 pubblica il primo albumSANDCASTLE”, apre il concerto croato di Paul Gilbert e suona sul palco con Les Paul all’Iridium Jazz Club a Time Square, New York. Nel 2009 poi apparizioni ed interviste in radio e tv, ma soprattutto esibizioni dal vivo. Inoltre ha lavorato al suo secondo cd solista “DESTINATION UNKNOWN” (registrato con gli immancabili Side Effects) insieme a Jhon Denner, Billy Sheehan, Brett Garsed, Phil Hilborne ed altri. Ivan ha inoltre prodotto dei video didattici per imparare a suonare la chitarra editi da guitarmasterclass.net e mixer.hr. Terzo album che vede ancora il trio unito è “COUNTERCLOCKWISE


Counterclockwise


Ok ragazzi, sedetevi ed ascoltatelo fino alla fine, magari comodamente seduti sul divano alzandovi a tratti trascinati per la potenza che emana perché questo disco è un vero e proprio concentrato di rock, electro e progressive metal su cui si sorreggono i sentimenti più puri e nobili… impossibile non restarne affascinati! Concept dell’album è una vera e propria denuncia dello stato attuale della nostra società nonché delle diverse situazioni negative che coinvolgono tutti noi (sconforto, delusione, lutto, avidità, depressione ma anche speranza! ) e di traccia in traccia si apprezza sempre di più il sentimento, la forza e l’intreccio di melodie curate nei più piccoli dettagli, il tutto impreziosito dalla prodigiosa vocalità di Ivan che raggiunge estensioni notevoli. La mia track preferita è senza dubbio la 3, “What is underneath”, ma non posso non sottolineare la strumentale “Eclipse”, un brano di circa 12 minuti il cui intro mi ha un po’ ricordato Danny Elfman, ma in versione addirittura migliore, “I am” che chiude l’album con una estrema raffinatezza… insomma ogni brano è un'imperdibile perla musicale. 


Consiglio vivamente questo disco a tutti, appassionati della prima ora ed ascoltatori occasionali perché è un sound che si adatta davvero a qualsiasi “gusto”… provare per credere!!!




Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters

Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.
Genere: rock/pop rock/hard rock Label: iM Classic (EU) Distribuzione: iM Classic (EU)
Streaming https://soundcloud.com/user-226312848/sets/endless-mirage https://open.spotify.com/album/4xS10nhXrMPCo2oeiI31et

Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.
Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.
Il disco si apre con Endless e continua s…

Gli America protagonisti dal vivo in Italia ad Agosto!

Blob Agency & Slang Music
presentano

Gli America in concerto in Italia!

In occasione del 40° anniversario, tornano nel nostro paese per un'unica data gli America, la mitica band anglo-statunitense di"A Horse With No Name", "Sister Golden Hair", "Survival" e "You Can Do Magic". Il gruppo, reduce dall'ultima tourneé americana, è impegnato in una lunga serie di date negli States; dopo tre concerti in Francia e all'indomani della data in Israele, sarà la volta dell'Italia. L'inizio del concerto degli America è previsto per le ore 21 e 30 , con possibilità di posti a sedere sin dalle ore 19,00. Gli attuali membri originari degli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, dopo la scomparsa, nel 2011, di Dan Peek.
5 agosto 2014 Ore 21.30 Porto Turistico di Boretto, Lido Po (RE) Prezzo biglietto : €uro 25,00 + diritti prevendita


Figli di padri americani e madri britanniche, i tre futuri "America",Gerry Beckley, Dewey Bunnell…