Passa ai contenuti principali

Devious Mine - " Revelation "


A cura di Oliver Ax.

I pesaresi Devious Mine non lasciano spazio all'immaginazione. Come una molotov di cristallo con la miccia accesa, entrano nel cervello dell'ascoltatore, frantumandosi in mille schegge incandescenti che inceneriscono ogni dubbio possa essere nato, ascoltando le prime note del loro Ep “ Revelation ".

Dopo l'orchestrale “ Intro “ a fungere da brano d'apertura, ecco " Shine ", la quale attacca aggressiva in un ruggito che squarcia il dolce silenzio che precede il caricamento della traccia. La chitarra, ispirata a tratti da arie familiari, regala un fertile terreno su cui la batteria può impazzire tra stacchi e rullate, lasciando così quell'impronta nitida e profonda, che è tipica del Hard Rock.

La voce, sulle prime, incuriosisce, perché tutto ci si aspetta tranne che una sonorità vocale così placida e melodica. Il genere suggerirebbe un tono più graffiante ed aggressivo, ma l'orecchio si abitua ben presto alle armonie e alla potenza tecnica che comunque scaturisce dal vibrare generoso delle corde vocali. Il canto ricorda, in maniera sottile, lo svedese Joey Tempest, solo un po' meno pungente. Il resto dell'album scorre piacevolmente in fretta su armonie decisamente più malinconiche ma ben articolate. “ Watch Over Me “ e “ La Dea “ sono canzoni preziose, fatte di gustosi arpeggi, di parti molto ritmate e di bridge sapientemente piazzati qua e là. I lunghi assoli di chitarra scorrono fluidi e precisi su scale d'altri tempi, il tutto accompagnato da un cantato che talvolta sfiora l'epico piuttosto che il Power Metal.


Devious Mine, come suggerisce il nome, non e' una band che ti acchiappa in maniera diretta, e' più come un prestigiatore vestito da hooligan che ti distrae minacciandoti con una catena in una mano mentre con l'altra ti colpisce con un tirapugni d'acciaio.


Per concludere, questa è' una band stuzzicante, che possiede un marchio particolare e forse proprio questa caratteristica, alla fine, li porterà dovunque la loro ambizione vorrà arrivare.




 



Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Il ritorno degli storici Twenty Four Hours con il video-single Adrian

Il videoclip promozionale del nuovo album Close – Lamb – White – Walls.
Il ritorno della storica prog/psych rock band nazionale con un brano dedicato alla figura di Adrian Borland, geniale e sfortunato Leader/Singer/Guitarist dei Sound, band fondamentale del post-punk britannico anni '80.
Genere: prog rock / psychedelic rock Label: Musea / Velut Luna

https://youtu.be/0ra_kBUzbBQ

Si va da Kill 'Em All dei Metallica agli antichi lupi di Extasy, inedito della band risalente al 1985, fino ai comuni amori nascosti e frantumati. Ma ampio spazio è donato alle amiche capre più vecchie e pesanti, alle confortanti campane spettrali e alla solitudine che, spesso temuta, aiuta invece molti di noi a cominciare ad amare se stessi come si deve.

Ma ci deve essere spazio anche per la Vecchia Fonderia Rossa e Il Crimine Perfetto o Il profumo dell'Aria di Pioggia, tutti titoli presi da album della band vecchi e nuovi, fino a chiudere con quello che forse è il brano più bello e rappresentativo dei 

Eradius: il roboante stoner rock del duo italo-britannico con l'omonimo esordio

La band si presenta con sonorità e testi fortemente influenzati da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool, Muse e dai più recenti Royal Blood.
Genere: stoner rock / alternative rock Label: Autoproduzione Release Date: 26.02.2018

Streaming https://open.spotify.com/album/3xQeLqZkbHQDrw4GoPWu8H

Gli Eradius presentano il loro omonimo debut album. Il progetto veronese è composto da una formazione particolare ispirandosi ai britannici Royal Blood: voce/basso elettrico (Richard Dylan Ponte, Londra 1994) e batteria (Edoardo Gomiero, Verona 1991). Il duo propone un genere stoner rock, sonorità e testi influenzati fortemente da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool e Muse.
In un anno di attività live i due hanno vinto diversi concorsi, uno dei quali (Vicenza Rock Contest 2017) ha permesso loro di aprire ai 99 Posse al Ferrock Festival di Vicenza.
Attività che è già ripresa per mezzo di un tour nazionale in costante aggiornamento:
Eradius Tour 16.12.17, Vinyl Music Club, Orzinuo…