Passa ai contenuti principali

MALEDUCAZIONE ALCOLICA: GRUPPO ROCK-SKA DALLA TUSCIA


A cura di Claudio Papitto
Lo Ska dei Maleducazione Alcolica: ballabile, professionale, originale e “indie” per cui questo gruppo farà molta strada.
Farà strada perchè emerge nelle loro canzoni il tempo scandito al millisecondo tra battere e levare (tipico del genere “ska”), e poi perchè il titolo del loro album “Peccati E Sogni” (uscito il 5 Marzo 2013 in digitale) è probabilmente il manifesto di milioni di ragazzi e ragazze che nella vita non cercano altro che peccati e sogni, appunto, i peccati dolci del piacere e i sogni di fare peccati ancora più belli...
Questa band proveniente dalla florida Tuscia (florida dal punto di vista delle band emergenti) ha saputo inventarsi il suo “passaporto” tra sonorità reggae e ritmi molto ballabili, una musica gradevole, simpatica e frizzante, come nelle canzoni “Corrispettivi” o la stessa Title Track “Peccati E Sogni”.

C’è da menzionare senza dubbio la track “Siamo Liberi”, che racconta la “dimensione instabile” di chi sogna pur non credendo alle favole. Piacevolissima (forse la migliore dell’album) la canzone “Vogliamo Bevere”, con uno spruzzo iniziale di chitarra rock e tutto il resto condito con un ritmo molto veloce, ottimi fiati e un testo che accusa i soliti sbirri che ti devono fare i test alcoolici: no, noi vogliamo bevere!
Parliamo infine dei veri “inni allo ska” come le due perle “Jonny Lo Sghembo” e l’ultima “Tuscia Ska” le quali coronano il lavoro di ben 14 canzoni che ti fanno sognare, ballare, divertire e soprattutto capire chi è che in Italia suona buonissima musica da professionisti.
L’album “Peccati E Sogni” è bello così, nel suo equilibrio effervescente da bere tutto d’un fiato e (ovviamente) ubriacarsi di rock/raggae/ska.



Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters

Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.
Genere: rock/pop rock/hard rock Label: iM Classic (EU) Distribuzione: iM Classic (EU)
Streaming https://soundcloud.com/user-226312848/sets/endless-mirage https://open.spotify.com/album/4xS10nhXrMPCo2oeiI31et

Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.
Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.
Il disco si apre con Endless e continua s…

Il Giardino: esce Non fare il punk!, nuova clip della rock band sarda

Focalizzato sull'assunzione delle droghe e il bisogno spasmodico di dipendere da sostanze per riuscire a godere di ciò che ci circonda, il nuovo videoclip dell'alternative rock band sarda è una critica al dover apparire a tutti i costi, a chi pensa che quello che conta sia il giudizio degli altri. “Non fare il punk!” anticipa l'uscita del secondo capitolo discografico “Medusa” prevista per fine aprile.
Genere: alternative rock, electro, cantautorato rock Label: Autoproduzione


È ora disponibile su YouTube il video di Non fare il punk!, singolo che anticipa l'uscita del nuovo album della band Il Giardino, intitolato Medusa. Diretto da Enrico Sanna e montato da Giorgio Gaetani (LAIB3T), il video è stato girato presso il Touch Club di Sassari e vede protagonista di alcune delle scene principali il giovanissimo ballerino Andrea Martine, campione italiano di Samba 2016/2017 (scuola F.Art Studio Dance di G.Madeddu). Il brano anticipa il nuovo sound della band, rivelando una dir…