Passa ai contenuti principali

Amorbus: "Dead Meat Ep", licenza di inquietare..


A cura di Andrea Galuzzi

Misfits!” “Misfits, Accorrete! Li ho trovati! Ho trovato i vostri eredi! Non ci crederete mai, sono italiani!” “Sì, sono giovani, bravi e suonano da veri spaccacervelli!”. “Non ci credete? E allora basta andare su YouTube e cercare Amorbus Dead Meat EP, vedrete, impallidirete anche voi.”

Dopo questa breve invocazione dei re assoluti dell’“Horror Punk” che spero vi abbia provocato almeno un flebile sorriso, passiamo a parlare dei “terrificanti” (in senso positivo, loro capiranno) Amorbus, provenienti dalla a me vicina e amata Pavia. 

Amorbus è un progetto che nasce alla fine del Gennaio 2012 nelle paludi del pavese dalle menti malate di Gil, Fonta e Simo”, cito la loro stessa definizione, sotto il segno dello Splatter. Il loro è un Punk molto corposo e violento, con delle evidenti influenze Death e Grindcore sia nelle ritmiche che nella voce ma senza mai perdere il grezzo furore punkettone che tanto apprezzo.

La loro musica è caratterizzata da un basso rapido e incalzante che, come una locomotiva, si tira dietro il peso della canzone e insieme ad una batteria potente, asciutta e scandita, che puntualizza e delinea alla perfezione i tempi della canzone, forma una base ritmica di rara solidità nelle band del punk italiano le quali troppo spesso si rifanno alle monotone plettrate del buon Mark Hoppus dei Blink 182. Le due chitarre sono un altro punto di eccellenza degli Amorbus: la ritmica è sguaiata, graffiante e dolorosamente macabra, creando in questo modo l’atmosfera da Horror-Film che caratterizza l’opera di questi ragazzi e su cui poi si appoggia tutta la band; quella solista invece è ciò che forse fa spiccare gli Amorbus nel panorama del loro genere, dal momento che nel punk (specialmente quello così grezzo e aggressivo) raramente avevo sentito dei soli e dei riff di così pregevole fattura, e non mi sto limitando all’Underground.


Infine la voce è perfetta per il genere, la malefica distorsione applicatale rende proprio l’idea macabra e terrificante della band e a mio parere ci dà un nuovo punto di vista sullo Scream, che negli ultimi anni si sta limitando agli urlacci Metalcore dei Bullet For My Valentine. In definitiva, ribadisco che per me gli Amorbus sono i potenziali equivalenti italiani dei Misfits, ma non si fermano a questo perché ricordano anche gruppi come Arch Enemy e Opeth e, soprattutto, nel loro Ep precedentemente citato la terza e omonima canzone “Dead Meat”ci sorprende con un’intro lenta e delicata ma altrettanto inquietante per poi esplodere.

Concludendo, le potenzialità di questi ragazzi sono tante da quello che queste tre canzoni lasciano trasparire, forse l’unico consiglio che mi sento di dare è di imparare da quelli che sono ancora i loro maestri e di curare la loro immagine mostruosa con più cura e “mente malata”, come piace a loro.

By Andrea Galuzzi (Keep on Horror Punking) 







 



Commenti

  1. Grazie mille per la stupenda recesione! Per fine aprile/inizio maggio rilasceremo un nuovo singolo, spero apprezzerai!

    AMORBUS

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

La vita, il futuro e l'amore secondo LorisDalì: esce Gekrisi, secondo disco del folksinger torinese

Secondo disco per il cantautore piemontese che con il suo folk variopinto e tagliente racconta le tante facce della nostra vita e le diverse storie del quotidiano filtrate dalla consueta dose di ironia e cinismo.
Genere: cantautorato, folk pop Label: Autoproduzione Release Date: 21.11.16
Streaminghttps://soundcloud.com/i-dal/sets/gekrisi/


Esce Gekrisi, il nuovo disco del cantautore LorisDalì.
Disponibile, tramite Zimbalam, su iTunes e su tutti gli store digitali, il lavoro segue Scimpanzé, uscito a gennaio 2015, e rimane sulla falsariga del cantautorato folk, abbandonando definitivamente ogni derivazione rock che in qualche modo era presente nel suo predecessore. Ma di solo cantautorato folk non si tratta, LorisDalì cerca infatti di rendere il disco sfaccettato, sia per i generi che per le trovate musicali, cantate e recitate.
Ecco quindi Altri tempi, interpretata dal padre del cantante, oppure la terrificante presa in giro di Tension, Un tango qualunque, il mezzo blues di Jack Risi, la canz…

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters

Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.
Genere: rock/pop rock/hard rock Label: iM Classic (EU) Distribuzione: iM Classic (EU)
Streaming https://soundcloud.com/user-226312848/sets/endless-mirage https://open.spotify.com/album/4xS10nhXrMPCo2oeiI31et

Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.
Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.
Il disco si apre con Endless e continua s…