Passa ai contenuti principali

Mad Sheperd - grunge made in Italy


A cura di Angela Mingoni

Il progetto musicale Mad Sheperd, nasce dall’esigenza di quattro ragazzi romani di raccontare, attraverso sonorità cupe e di forte impatto, storie vere e cruente, fatte di disperazione e tragedia.
Il genere con cui si identificano è il grunge; nato a Seattle (ecco perché lo si può chiamare anche Seattle sound), il termine coniato negli anni ’80, deriva dall’aggettivo grungy, ossia sporco. Identifica quindi quel tipo di musica alternativa “sudicia” che non bada al virtuosismo e alla perfezione ma preferisce concentrarsi sulle parole e sul sound. La storia della band di Roma, invece, parte esattamente nel 2009 quando pubblicano il primo Ep. Tutto il lavoro riceve critiche e recensioni entusiaste non solo in Italia ma anche all’estero; “il gruppo non si accontenta di melodie orecchiabili e costruzioni tradizionali, ma cerca strutture non convenzionali” e ancora “virtuosismi mai fuori luogo con sottofondo una sessione ritmica possente”.

Il singolo portafortuna è “Drag me up”, inserito addirittura nella compilation “Riot on Sunset Vol.22” della 272 Records, etichetta indipendente di Los Angeles. Usciti indenni dal continuo e naturale cambio nella formazione, pubblicano nel 2012 il secondo Ep, lavoro che contiene tre tracce più una cover dei Soundgarden; “Fell on black days”. L’arrivo di un nuovo cantante e del batterista porta con sé un enorme rivoluzione; il sound si rinnova, si sgrezza e si tramuta in un impasto musicale più raffinato. L’impegno di denuncia sociale è raccontato anche attraverso le immagini. Realizzano infatti il videoclip di “Serial number 64”, primo estratto della loro opera. Esso contiene scene forti, che colpiscono dritte al cuore. La crudeltà che mostrano può far male ma è necessaria ad aprire gli occhi e a smuovere le coscienze.

Tutto il marcio viene scoperto e la nostra decadenza viene intervallata da ricordi di un Italia che non c’è più, con flashback della belle epoque anni ’50 e scorci documentaristici della vita nella savana.
Tra le tante attività live va sicuramente ricordata le performance di apertura al concerto degli Almamegretta in un festival estivo presso l’Hemingway Club di Catanzaro. A ciò va aggiunta la partecipazione, e il piazzamento tra i finalisti, in un contest ideato dalla Sony Music: “Suona i Foo Fighters e sali sul palco del Rock in Idhro”.

I Mad Sheperd sono; Stefano Di Pietro alla voce, Salvatore Dragone alla chitarra, Francesco Leone al basso e Leonardo Sentinella alla batteria.




Commenti

Post popolari in questo blog

Gli America protagonisti dal vivo in Italia ad Agosto!

Blob Agency & Slang Music
presentano

Gli America in concerto in Italia!

In occasione del 40° anniversario, tornano nel nostro paese per un'unica data gli America, la mitica band anglo-statunitense di"A Horse With No Name", "Sister Golden Hair", "Survival" e "You Can Do Magic". Il gruppo, reduce dall'ultima tourneé americana, è impegnato in una lunga serie di date negli States; dopo tre concerti in Francia e all'indomani della data in Israele, sarà la volta dell'Italia. L'inizio del concerto degli America è previsto per le ore 21 e 30 , con possibilità di posti a sedere sin dalle ore 19,00. Gli attuali membri originari degli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, dopo la scomparsa, nel 2011, di Dan Peek.
5 agosto 2014 Ore 21.30 Porto Turistico di Boretto, Lido Po (RE) Prezzo biglietto : €uro 25,00 + diritti prevendita


Figli di padri americani e madri britanniche, i tre futuri "America",Gerry Beckley, Dewey Bunnell…

Metamorfosi - La luce del cambiamento: esce il nuovo singolo "Light"

Terzo estratto dall'album Chrysalis della band laziale, un piccolo elogio indie pop a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie.
Genere: indie/rock Etichetta: Mauna Loa Distribuzione digitale: Believe
Immagina di trovarti in una caverna buia dove il tuo unico punto di riferimento è un piccolo spiraglio di luce, ecco quella è Light.
Light è un piccolo elogio a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie. Il mondo corre e si rincorre senza una meta precisa e invece abbiamo bisogno di fermarci a cogliere le sfumature, ascoltare la nostra anima, cercare la nostra meta, la nostra "Light".
La melodia di questo brano, come racconta la band, è nata tempo fa giocando attorno al tema di Blue In Green di Miles Davis e Bill Evans. In fase di arrangiamento poi v'era il desiderio di trovare qualcosa che spezzasse il mood del resto del disco in registrazione.
Volevamo un groove sostenuto e un riff sbilenco, un qualcosa di più cattivo che ci ricordasse i …

La vita, il futuro e l'amore secondo LorisDalì: esce Gekrisi, secondo disco del folksinger torinese

Secondo disco per il cantautore piemontese che con il suo folk variopinto e tagliente racconta le tante facce della nostra vita e le diverse storie del quotidiano filtrate dalla consueta dose di ironia e cinismo.
Genere: cantautorato, folk pop Label: Autoproduzione Release Date: 21.11.16
Streaminghttps://soundcloud.com/i-dal/sets/gekrisi/


Esce Gekrisi, il nuovo disco del cantautore LorisDalì.
Disponibile, tramite Zimbalam, su iTunes e su tutti gli store digitali, il lavoro segue Scimpanzé, uscito a gennaio 2015, e rimane sulla falsariga del cantautorato folk, abbandonando definitivamente ogni derivazione rock che in qualche modo era presente nel suo predecessore. Ma di solo cantautorato folk non si tratta, LorisDalì cerca infatti di rendere il disco sfaccettato, sia per i generi che per le trovate musicali, cantate e recitate.
Ecco quindi Altri tempi, interpretata dal padre del cantante, oppure la terrificante presa in giro di Tension, Un tango qualunque, il mezzo blues di Jack Risi, la canz…