Passa ai contenuti principali

Mad Sheperd - grunge made in Italy


A cura di Angela Mingoni

Il progetto musicale Mad Sheperd, nasce dall’esigenza di quattro ragazzi romani di raccontare, attraverso sonorità cupe e di forte impatto, storie vere e cruente, fatte di disperazione e tragedia.
Il genere con cui si identificano è il grunge; nato a Seattle (ecco perché lo si può chiamare anche Seattle sound), il termine coniato negli anni ’80, deriva dall’aggettivo grungy, ossia sporco. Identifica quindi quel tipo di musica alternativa “sudicia” che non bada al virtuosismo e alla perfezione ma preferisce concentrarsi sulle parole e sul sound. La storia della band di Roma, invece, parte esattamente nel 2009 quando pubblicano il primo Ep. Tutto il lavoro riceve critiche e recensioni entusiaste non solo in Italia ma anche all’estero; “il gruppo non si accontenta di melodie orecchiabili e costruzioni tradizionali, ma cerca strutture non convenzionali” e ancora “virtuosismi mai fuori luogo con sottofondo una sessione ritmica possente”.

Il singolo portafortuna è “Drag me up”, inserito addirittura nella compilation “Riot on Sunset Vol.22” della 272 Records, etichetta indipendente di Los Angeles. Usciti indenni dal continuo e naturale cambio nella formazione, pubblicano nel 2012 il secondo Ep, lavoro che contiene tre tracce più una cover dei Soundgarden; “Fell on black days”. L’arrivo di un nuovo cantante e del batterista porta con sé un enorme rivoluzione; il sound si rinnova, si sgrezza e si tramuta in un impasto musicale più raffinato. L’impegno di denuncia sociale è raccontato anche attraverso le immagini. Realizzano infatti il videoclip di “Serial number 64”, primo estratto della loro opera. Esso contiene scene forti, che colpiscono dritte al cuore. La crudeltà che mostrano può far male ma è necessaria ad aprire gli occhi e a smuovere le coscienze.

Tutto il marcio viene scoperto e la nostra decadenza viene intervallata da ricordi di un Italia che non c’è più, con flashback della belle epoque anni ’50 e scorci documentaristici della vita nella savana.
Tra le tante attività live va sicuramente ricordata le performance di apertura al concerto degli Almamegretta in un festival estivo presso l’Hemingway Club di Catanzaro. A ciò va aggiunta la partecipazione, e il piazzamento tra i finalisti, in un contest ideato dalla Sony Music: “Suona i Foo Fighters e sali sul palco del Rock in Idhro”.

I Mad Sheperd sono; Stefano Di Pietro alla voce, Salvatore Dragone alla chitarra, Francesco Leone al basso e Leonardo Sentinella alla batteria.




Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Il ritorno degli storici Twenty Four Hours con il video-single Adrian

Il videoclip promozionale del nuovo album Close – Lamb – White – Walls.
Il ritorno della storica prog/psych rock band nazionale con un brano dedicato alla figura di Adrian Borland, geniale e sfortunato Leader/Singer/Guitarist dei Sound, band fondamentale del post-punk britannico anni '80.
Genere: prog rock / psychedelic rock Label: Musea / Velut Luna

https://youtu.be/0ra_kBUzbBQ

Si va da Kill 'Em All dei Metallica agli antichi lupi di Extasy, inedito della band risalente al 1985, fino ai comuni amori nascosti e frantumati. Ma ampio spazio è donato alle amiche capre più vecchie e pesanti, alle confortanti campane spettrali e alla solitudine che, spesso temuta, aiuta invece molti di noi a cominciare ad amare se stessi come si deve.

Ma ci deve essere spazio anche per la Vecchia Fonderia Rossa e Il Crimine Perfetto o Il profumo dell'Aria di Pioggia, tutti titoli presi da album della band vecchi e nuovi, fino a chiudere con quello che forse è il brano più bello e rappresentativo dei 

Eradius: il roboante stoner rock del duo italo-britannico con l'omonimo esordio

La band si presenta con sonorità e testi fortemente influenzati da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool, Muse e dai più recenti Royal Blood.
Genere: stoner rock / alternative rock Label: Autoproduzione Release Date: 26.02.2018

Streaming https://open.spotify.com/album/3xQeLqZkbHQDrw4GoPWu8H

Gli Eradius presentano il loro omonimo debut album. Il progetto veronese è composto da una formazione particolare ispirandosi ai britannici Royal Blood: voce/basso elettrico (Richard Dylan Ponte, Londra 1994) e batteria (Edoardo Gomiero, Verona 1991). Il duo propone un genere stoner rock, sonorità e testi influenzati fortemente da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool e Muse.
In un anno di attività live i due hanno vinto diversi concorsi, uno dei quali (Vicenza Rock Contest 2017) ha permesso loro di aprire ai 99 Posse al Ferrock Festival di Vicenza.
Attività che è già ripresa per mezzo di un tour nazionale in costante aggiornamento:
Eradius Tour 16.12.17, Vinyl Music Club, Orzinuo…