Passa ai contenuti principali

L'alba di nuovo - La nuova razza


Un velo d’oscurità avvolge l’hardcore. L’insofferenza per il mondo e il modo in cui viviamo ci porta alla pazzia, che in la nuova razza viene esorcizzata con le urla strazianti, e con grevi armonie, al limite della sopportazione.


band terni

di Angela Mingoni

Il punk, o punk hardcore, aiuta a svuotare l’anima dalla rabbia. Nato tra gli anni ’70 e ’80, è un genere che deve le sue origini alla sempre fertile Gran Bretagna e agli Stati Uniti.

“L’Alba di nuovo” propone un sound che è caratteristico di questo genere. Sembra quasi preso dal manuale del perfetto punk rocker. Il loro punto di forza, e motore delle loro energiche performance, si trova nella sezione ritmica, precisa e martellante che tiene vivo un disco a volte singhiozzante per colpa delle parole che sfuggono mettendo in difficoltà chi ascolta. Il valore dei testi, è penalizzato da uno scrosciare di lettere senza una metrica precisa che permetterebbe, con una maggior cura, di afferrare i concetti con più facilità.

Le semplici ma efficaci sonorità proposte dalla chitarra rispecchiano l’identità di questa band che sembra aver bisogno di scatenare sul palco tutto il proprio furore. Molto bella l’introduzione di L’uomo creò Dio; brano che pare ricalcare appieno il pensiero di Ligabue quando si chiedeva dove fosse finito Dio e se avesse avuto un attimo per lui.

Decisamente affascinante la scelta di intrufolare furtivamente due citazioni dallo stesso film. “Citazioni”, appunto, ci immerge nel mondo di Waking life, film d’animazione realizzato in rotoscope nel 2001 che racconta la ribellione di un uomo che se ne va per strada guidando una barca e rifiuta di essere sottomesso e controllato dalla società, che gli dice cosa pensare, come agire, cosa leggere. Pochi secondi ma intensi, carichi di rabbia ma coraggiosi. “Outro” invece chiude l’album e ci invia un messaggio forte e chiaro: “le idee sono a prova di proiettile”.Quando ascolti La tua identità, dopo qualche secondo di smarrimento, è subito chiaro lo stile del gruppo. È il giusto preludio; ecco i riff semplici, ecco la profonda linea di basso, ecco la batteria suonata con ardore, ecco un buon pezzo da proporre al pubblico.

Sebbene il percorso sonoro proposto scada un po’ nella banalità diventa necessario incoraggiare questo progetto musicale. Occorre punzecchiarlo per farlo maturare. Si deve continuare a suonare dal vivo, e nutrirlo,così di energia positiva che solo il calore di un pubblico calcitrante ti può dare.





Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Il ritorno degli storici Twenty Four Hours con il video-single Adrian

Il videoclip promozionale del nuovo album Close – Lamb – White – Walls.
Il ritorno della storica prog/psych rock band nazionale con un brano dedicato alla figura di Adrian Borland, geniale e sfortunato Leader/Singer/Guitarist dei Sound, band fondamentale del post-punk britannico anni '80.
Genere: prog rock / psychedelic rock Label: Musea / Velut Luna

https://youtu.be/0ra_kBUzbBQ

Si va da Kill 'Em All dei Metallica agli antichi lupi di Extasy, inedito della band risalente al 1985, fino ai comuni amori nascosti e frantumati. Ma ampio spazio è donato alle amiche capre più vecchie e pesanti, alle confortanti campane spettrali e alla solitudine che, spesso temuta, aiuta invece molti di noi a cominciare ad amare se stessi come si deve.

Ma ci deve essere spazio anche per la Vecchia Fonderia Rossa e Il Crimine Perfetto o Il profumo dell'Aria di Pioggia, tutti titoli presi da album della band vecchi e nuovi, fino a chiudere con quello che forse è il brano più bello e rappresentativo dei 

Eradius: il roboante stoner rock del duo italo-britannico con l'omonimo esordio

La band si presenta con sonorità e testi fortemente influenzati da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool, Muse e dai più recenti Royal Blood.
Genere: stoner rock / alternative rock Label: Autoproduzione Release Date: 26.02.2018

Streaming https://open.spotify.com/album/3xQeLqZkbHQDrw4GoPWu8H

Gli Eradius presentano il loro omonimo debut album. Il progetto veronese è composto da una formazione particolare ispirandosi ai britannici Royal Blood: voce/basso elettrico (Richard Dylan Ponte, Londra 1994) e batteria (Edoardo Gomiero, Verona 1991). Il duo propone un genere stoner rock, sonorità e testi influenzati fortemente da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool e Muse.
In un anno di attività live i due hanno vinto diversi concorsi, uno dei quali (Vicenza Rock Contest 2017) ha permesso loro di aprire ai 99 Posse al Ferrock Festival di Vicenza.
Attività che è già ripresa per mezzo di un tour nazionale in costante aggiornamento:
Eradius Tour 16.12.17, Vinyl Music Club, Orzinuo…