Passa ai contenuti principali

Blizzard of Lizzard: una vera tempesta di influenze

band italia
by Macro
Una vera tempesta di influenze musicali quella dei Blizzard of Lizard suoni che spaziano dall’hard Rock al Funky passando anche dall’Heavy Metal. Si autodefiniscono soprattutto Stoner ma in questo primo LP che prende il nome della band, di Stoner c’è poco o niente. E’ un genere che dovrebbe riutilizzare i suoni rock degli anni sessanta e settanta, suoni cupi, carichi di bassi e con poca effettistica; invece in questo LP i suoni sono tutti tipici dell’hard rock facendo assumere ad alcuni brani anche le sembianze di una specie di Heavy Metal (Grey Town) con tanto di cambi di ritmo durante tutto il pezzo. Sarebbe stato bello ascoltare un vero miscuglio alchimistico dei generi sopra citati, il problema è che il miscuglio c’è ma il risultato non si sente, come ci si dovrebbe aspettare, nei singoli brani, bensì in tutto l’LP che è caratterizzato da pezzi molto diversi e distanti tra loro. Tale divergenza causa una difficoltà nel collocare l’LP in un genere specifico che lo rappresenterebbe in modo complessivo. Un piccolo e unico tentativo è il brano “Firebird” dove si mescola abbastanza bene il suono di chitarra hard rock e quello del basso funky il tutto unito da un bel ritmo a tratti anch’esso funky. C’è però da aggiungere che i Blizzard of Lizard hanno per così dire il peso di una grossa esperienza live precedente alla creazione di questo prodotto, un ‘esperienza che (intuisco) li ha visti sicuramente cimentarsi in esecuzioni di cover (il palese esempio è Sabbath Bloody Sabbath) e ciò senza dubbio ha contribuito a far assumere ai vari brani molti connotati tipici di band che hanno fatto la storia del Rock come ad esempio i Black Sabbath appunto. Questa caratteristica è evidente soprattutto nella parte vocale che è una sorta di imitazione di un qualcosa di già sentito purtroppo senza aggiungere ad esso un tocco di personalità. Per concludere, Blizzard of Lizard è un prodotto indefinito nel suo complesso, non proprio una novità. Quello che non manca senza dubbio è una carica esplosiva rock and roll che sa comunicare soprattutto a chi non è costretto (come me) a farsi molte domande. Macro


Commenti

Post popolari in questo blog

Gli America protagonisti dal vivo in Italia ad Agosto!

Blob Agency & Slang Music
presentano

Gli America in concerto in Italia!

In occasione del 40° anniversario, tornano nel nostro paese per un'unica data gli America, la mitica band anglo-statunitense di"A Horse With No Name", "Sister Golden Hair", "Survival" e "You Can Do Magic". Il gruppo, reduce dall'ultima tourneé americana, è impegnato in una lunga serie di date negli States; dopo tre concerti in Francia e all'indomani della data in Israele, sarà la volta dell'Italia. L'inizio del concerto degli America è previsto per le ore 21 e 30 , con possibilità di posti a sedere sin dalle ore 19,00. Gli attuali membri originari degli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, dopo la scomparsa, nel 2011, di Dan Peek.
5 agosto 2014 Ore 21.30 Porto Turistico di Boretto, Lido Po (RE) Prezzo biglietto : €uro 25,00 + diritti prevendita


Figli di padri americani e madri britanniche, i tre futuri "America",Gerry Beckley, Dewey Bunnell…

Sharazad: "Saz" è il nuovo EP tra pop psichedelico, post rock, kraut e avant-garde.

Secondo lavoro in studio per la band pavese che al pop psichedelico in chiave Sixties degli esordi mescola adesso l'oscurità orchestrale del post rock e un approccio melodico più libero dalla forma canzone. Un sound evocativo, denso e poderoso in cui fanno la comparsa echi tenebrosi dei primi anni 80 e una sorta di verve kraut e avant-garde.
Genere: rock/alt-rock/experimental Etichetta/Distribuzione: Lady Blue Records Release Date: 18/07/2016
Spotifyhttps://play.spotify.com/album/0pMQUtvAJGc3ZTdLXPQUOE
iTuneshttps://itunes.apple.com/it/album/saz-ep/id1132004653?l=en

Esce il 18 luglio per Lady Blue Records il nuovo, atteso lavoro degli Sharazad, secondo EP di quattro tracce dal titolo Saz.
Il gruppo pavese ci propone la sua evocativa miscela di alternative rock, psichedelìa e post rock. Il singolo scelto per presentare il nuovo EP è You Will Never Know, brano disco-stoner in chiave surf, accompagnato da un originale videoclip completamente autoprodotto, ideato e girato da Alessandro Mo…

Dalla Grecia con amore: esce Mare, il nuovo video di Davide Pagnini

Nuovo videoclip dall’album “Maschere” del cantautore pesarese. Un brano dalle atmosfere pop folk che miscela ritmiche incalzanti e ballabili con suoni più melodici di chitarra acustica e fisarmonica.
https://youtu.be/wixtKcLc91I

Mareè il nuovo singolo/videoclip di Davide Pagnini, estratto dall'album d'esordio Maschere(PMS Studio). Un brano dalle sonorità pop folk che miscela ritmiche incalzanti e ballabili con suoni più melodici di chitarra acustica e fisarmonica. La metrica del testo è fitta e le parole scorrono rapide su una melodia orecchiabile che passa da atmosfere più introspettive ad aperture orecchiabili ed estive. Alcune sfumature di Marerichiamano cantautori come Gazzè, Jovanottie Mannarino.
“C’è una parte di noi che si sente osservata, giudicata, criticata e spesso accusata dagli altri. E’ quella parte che ci fa essere guardinghi e chiusi in noi stessi. L’altra parte, però, è felice e spensierata e se ne frega di tutto, vivendo la libertà e lasciandosi cullare da ciò …