Passa ai contenuti principali

Killing Jane: dosi di furia rock da Milano - by Rentboy '84

Echi punk-hardcore, dosi di furia rock, ritornelli infuocati come molotov sul cemento e tanta "sporcizia" sonora. Ecco i Killing Jane, rockers milanesi nati nel 2010 dalle ceneri di Baby Jane e Radiocaos, un collettivo di cazzuti musicisti abituati da tempo a calcare i palchi di questa povera Italia in lungo e largo e decisi, con questo nuovo progetto, a marcare il territorio "alternative" con la loro energia. La band ha in programma la pubblicazione del suo primo disco e noi, nel frattempo, ci siamo goduti il materiale da loro messoci a disposizione. 5 brani che sputano adrenalina e cavalcate rock a non finire; certo, non mancano momenti più "clean" e rilassati, come la sinuosa strofa di "Senza di Lei" o quella accennatamente tribale di Milano, ma sono, appunto, brevi prologhi che fungono da introduzione, scaldano la platea in attesa dell'ingresso degli attori principali. Credo però che uno dei notevoli pregi dei Killing Jane sia proprio l'aver saputo maneggiare con cura la difficile arte del fragile equilibrio fra "quiet" e "loud": ogni loro traccia è infatti pervasa da questo continuo sali/scendi che ti sbatte, ti scuote, prima ti assopisce e poi ti risveglia all'improvviso come una pentola d'acqua gelida in faccia di prima mattina. Si sente qui tutta l'esperienza ventennale, sia live che di studio, che ha portato la band milanese ad attraversare la scena punk e rock degli anni '90 fino a raggiungere i giorni nostri.I brani vantano una base ritmica solida come la roccia, chitarre che affondano le proprie sudice unghie nella pelle ad ogni plettrata ed una voce, quella di Paolo Restelli, a cui tocca il difficile compito (peraltro riuscito in pieno) di esaltare tutto questo ben di Dio con la sua personalità, di gettare benzina sul fuoco, di spargere sui Killing Jane la polverina magica in grado di farli volare, di fungere da pregiata cornice a questo complesso quadro. Nota di merito va alla traccia "Milano", non a caso singolo da cui è stato tratto il video (disponibile su YouTube): un sincero grido d'amore/odio per la città che ha dato i natali alla band, la quale descrive la doppia faccia della metropoli meneghina, "diamante splendido" e "nero incubo"; un rapporto conflittuale dove regnano disagio, incuria, febbre, decadenza, frustrazione, ma nel quale c'è ancora posto per quell'incondizionato fascino che solo la "nostra città" riesce sempre e comunque a farci respirare.  Rentboy '84
Killing Jane nascono nel 2010 dalla fusione di 2 band (Baby Jane e Radiocaos), da musicisti di esperienza ventennale che hanno attraversato la scena punk e rock degli anni novanta e che decidono di provare a mettere la testa su un nuovo progetto alternative che prevede di rubare molto dai diversi stili in precedenza suonati. Nel 2010 la band registra il singolo “Milano” ma è solo nel 2012 che lo completa con un video e registra altri 4 pezzi per produrre un EP dal titolo “Maledetti voi e il rock and roll”. Oltre a diversi live, la formazione  partecipa al programma musicale “Scary Boom” sulle tendenze alternative rock andato in onda a San Pietroburgo, presentando inoltre il singolo Milano ad una radio Russa 





Commenti

Post popolari in questo blog

Il ritorno degli storici Twenty Four Hours con il video-single Adrian

Il videoclip promozionale del nuovo album Close – Lamb – White – Walls.
Il ritorno della storica prog/psych rock band nazionale con un brano dedicato alla figura di Adrian Borland, geniale e sfortunato Leader/Singer/Guitarist dei Sound, band fondamentale del post-punk britannico anni '80.
Genere: prog rock / psychedelic rock Label: Musea / Velut Luna

https://youtu.be/0ra_kBUzbBQ

Si va da Kill 'Em All dei Metallica agli antichi lupi di Extasy, inedito della band risalente al 1985, fino ai comuni amori nascosti e frantumati. Ma ampio spazio è donato alle amiche capre più vecchie e pesanti, alle confortanti campane spettrali e alla solitudine che, spesso temuta, aiuta invece molti di noi a cominciare ad amare se stessi come si deve.

Ma ci deve essere spazio anche per la Vecchia Fonderia Rossa e Il Crimine Perfetto o Il profumo dell'Aria di Pioggia, tutti titoli presi da album della band vecchi e nuovi, fino a chiudere con quello che forse è il brano più bello e rappresentativo dei 

Eradius: il roboante stoner rock del duo italo-britannico con l'omonimo esordio

La band si presenta con sonorità e testi fortemente influenzati da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool, Muse e dai più recenti Royal Blood.
Genere: stoner rock / alternative rock Label: Autoproduzione Release Date: 26.02.2018

Streaming https://open.spotify.com/album/3xQeLqZkbHQDrw4GoPWu8H

Gli Eradius presentano il loro omonimo debut album. Il progetto veronese è composto da una formazione particolare ispirandosi ai britannici Royal Blood: voce/basso elettrico (Richard Dylan Ponte, Londra 1994) e batteria (Edoardo Gomiero, Verona 1991). Il duo propone un genere stoner rock, sonorità e testi influenzati fortemente da gruppi storici come Rage Against The Machine, Tool e Muse.
In un anno di attività live i due hanno vinto diversi concorsi, uno dei quali (Vicenza Rock Contest 2017) ha permesso loro di aprire ai 99 Posse al Ferrock Festival di Vicenza.
Attività che è già ripresa per mezzo di un tour nazionale in costante aggiornamento:
Eradius Tour 16.12.17, Vinyl Music Club, Orzinuo…

Fernando Alba: nuovo album e release party @ Auditorium Parco della Musica di Roma 5 maggio

Un lavoro emozionale e ricercato, dalla poetica più essenziale, che l'artista siciliano presenta ai fan nel prestigioso Auditorium Parco della Musica di Roma il 5 maggio. Un rock dalle contaminazioni cantautorali suonato con un linguaggio attuale, moderno nella forma, cercando l'innovazione nelle strutture e negli argomenti trattati.
Genere: rock / cantautorato Label: Maqueta Records

Streaming https://soundcloud.com/user-298964377/sets/fernando-alba-nello-stesso-acido/s-jC7Bs

Nello stesso acido è il secondo album del cantautore e compositore Fernando Alba. Un titolo forte, tratto dalla sua canzone d’amore che funge da lead single dell'album la cui uscita è stata anticipata nei mesi scorsi dai due videoclip Foglie Gialle e La canzone della buonanotte (Comode poltrone).
Per produrre Nello stesso acido,Fernando Alba ha coinvolto oltre cento musicisti, tra turnisti e orchestre. Un album emozionale come il precedente, ma più rock, più acido, dagli arrangiamenti ed orchestrazioni virt…