Passa ai contenuti principali

Killing Jane: dosi di furia rock da Milano - by Rentboy '84

Echi punk-hardcore, dosi di furia rock, ritornelli infuocati come molotov sul cemento e tanta "sporcizia" sonora. Ecco i Killing Jane, rockers milanesi nati nel 2010 dalle ceneri di Baby Jane e Radiocaos, un collettivo di cazzuti musicisti abituati da tempo a calcare i palchi di questa povera Italia in lungo e largo e decisi, con questo nuovo progetto, a marcare il territorio "alternative" con la loro energia. La band ha in programma la pubblicazione del suo primo disco e noi, nel frattempo, ci siamo goduti il materiale da loro messoci a disposizione. 5 brani che sputano adrenalina e cavalcate rock a non finire; certo, non mancano momenti più "clean" e rilassati, come la sinuosa strofa di "Senza di Lei" o quella accennatamente tribale di Milano, ma sono, appunto, brevi prologhi che fungono da introduzione, scaldano la platea in attesa dell'ingresso degli attori principali. Credo però che uno dei notevoli pregi dei Killing Jane sia proprio l'aver saputo maneggiare con cura la difficile arte del fragile equilibrio fra "quiet" e "loud": ogni loro traccia è infatti pervasa da questo continuo sali/scendi che ti sbatte, ti scuote, prima ti assopisce e poi ti risveglia all'improvviso come una pentola d'acqua gelida in faccia di prima mattina. Si sente qui tutta l'esperienza ventennale, sia live che di studio, che ha portato la band milanese ad attraversare la scena punk e rock degli anni '90 fino a raggiungere i giorni nostri.I brani vantano una base ritmica solida come la roccia, chitarre che affondano le proprie sudice unghie nella pelle ad ogni plettrata ed una voce, quella di Paolo Restelli, a cui tocca il difficile compito (peraltro riuscito in pieno) di esaltare tutto questo ben di Dio con la sua personalità, di gettare benzina sul fuoco, di spargere sui Killing Jane la polverina magica in grado di farli volare, di fungere da pregiata cornice a questo complesso quadro. Nota di merito va alla traccia "Milano", non a caso singolo da cui è stato tratto il video (disponibile su YouTube): un sincero grido d'amore/odio per la città che ha dato i natali alla band, la quale descrive la doppia faccia della metropoli meneghina, "diamante splendido" e "nero incubo"; un rapporto conflittuale dove regnano disagio, incuria, febbre, decadenza, frustrazione, ma nel quale c'è ancora posto per quell'incondizionato fascino che solo la "nostra città" riesce sempre e comunque a farci respirare.  Rentboy '84
Killing Jane nascono nel 2010 dalla fusione di 2 band (Baby Jane e Radiocaos), da musicisti di esperienza ventennale che hanno attraversato la scena punk e rock degli anni novanta e che decidono di provare a mettere la testa su un nuovo progetto alternative che prevede di rubare molto dai diversi stili in precedenza suonati. Nel 2010 la band registra il singolo “Milano” ma è solo nel 2012 che lo completa con un video e registra altri 4 pezzi per produrre un EP dal titolo “Maledetti voi e il rock and roll”. Oltre a diversi live, la formazione  partecipa al programma musicale “Scary Boom” sulle tendenze alternative rock andato in onda a San Pietroburgo, presentando inoltre il singolo Milano ad una radio Russa 





Commenti

Post popolari in questo blog

Gli America protagonisti dal vivo in Italia ad Agosto!

Blob Agency & Slang Music
presentano

Gli America in concerto in Italia!

In occasione del 40° anniversario, tornano nel nostro paese per un'unica data gli America, la mitica band anglo-statunitense di"A Horse With No Name", "Sister Golden Hair", "Survival" e "You Can Do Magic". Il gruppo, reduce dall'ultima tourneé americana, è impegnato in una lunga serie di date negli States; dopo tre concerti in Francia e all'indomani della data in Israele, sarà la volta dell'Italia. L'inizio del concerto degli America è previsto per le ore 21 e 30 , con possibilità di posti a sedere sin dalle ore 19,00. Gli attuali membri originari degli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, dopo la scomparsa, nel 2011, di Dan Peek.
5 agosto 2014 Ore 21.30 Porto Turistico di Boretto, Lido Po (RE) Prezzo biglietto : €uro 25,00 + diritti prevendita


Figli di padri americani e madri britanniche, i tre futuri "America",Gerry Beckley, Dewey Bunnell…

Sharazad: "Saz" è il nuovo EP tra pop psichedelico, post rock, kraut e avant-garde.

Secondo lavoro in studio per la band pavese che al pop psichedelico in chiave Sixties degli esordi mescola adesso l'oscurità orchestrale del post rock e un approccio melodico più libero dalla forma canzone. Un sound evocativo, denso e poderoso in cui fanno la comparsa echi tenebrosi dei primi anni 80 e una sorta di verve kraut e avant-garde.
Genere: rock/alt-rock/experimental Etichetta/Distribuzione: Lady Blue Records Release Date: 18/07/2016
Spotifyhttps://play.spotify.com/album/0pMQUtvAJGc3ZTdLXPQUOE
iTuneshttps://itunes.apple.com/it/album/saz-ep/id1132004653?l=en

Esce il 18 luglio per Lady Blue Records il nuovo, atteso lavoro degli Sharazad, secondo EP di quattro tracce dal titolo Saz.
Il gruppo pavese ci propone la sua evocativa miscela di alternative rock, psichedelìa e post rock. Il singolo scelto per presentare il nuovo EP è You Will Never Know, brano disco-stoner in chiave surf, accompagnato da un originale videoclip completamente autoprodotto, ideato e girato da Alessandro Mo…

Dalla Grecia con amore: esce Mare, il nuovo video di Davide Pagnini

Nuovo videoclip dall’album “Maschere” del cantautore pesarese. Un brano dalle atmosfere pop folk che miscela ritmiche incalzanti e ballabili con suoni più melodici di chitarra acustica e fisarmonica.
https://youtu.be/wixtKcLc91I

Mareè il nuovo singolo/videoclip di Davide Pagnini, estratto dall'album d'esordio Maschere(PMS Studio). Un brano dalle sonorità pop folk che miscela ritmiche incalzanti e ballabili con suoni più melodici di chitarra acustica e fisarmonica. La metrica del testo è fitta e le parole scorrono rapide su una melodia orecchiabile che passa da atmosfere più introspettive ad aperture orecchiabili ed estive. Alcune sfumature di Marerichiamano cantautori come Gazzè, Jovanottie Mannarino.
“C’è una parte di noi che si sente osservata, giudicata, criticata e spesso accusata dagli altri. E’ quella parte che ci fa essere guardinghi e chiusi in noi stessi. L’altra parte, però, è felice e spensierata e se ne frega di tutto, vivendo la libertà e lasciandosi cullare da ciò …