Passa ai contenuti principali

Dopo "Mina si fa di Ketamina" - il ritorno dei Rosso Dalmata con "Onda Sinusoidale"



Il nuovo video dei Rosso Dalmata - "Onda Sinusoidale".

Terzo singolo estratto dall' omonimo primo album "Rosso Dalmata" (Udu Records/New Model Label) per la band bolognese; dopo "Mina si fa di Ketamina" e "Adoro il '69", i Rosso Dalmata pubblicano  in questi giorni "Onda Sinusoidale" con la Freim Production si Bologna, per la regia di Vincenzo D' Arpe.  I Rosso Dalmata, attualmente impegnati nella produzione di un nuovo disco e tour estivo, sono:

Marco Baricci Rentboy - Vox & Guitar
Borja Bolcina - Guitar
Frank Lav - Bass & Synth
Ivano Zanotti - Drum


www.facebook.com/rossodalmata


“ ci vorrebbe un onda che scenda e poi risale
lentamente un onda sinusoidale “

Anestetici imbarazzanti no, non userò 
il mio synth analogico è l'unico guru che ho 
Onde quadre, onde a sega
onde evitare del pop 
La mia famiglia mi giudica medio, distratto e pseudo mod

:“ ....Nella vita cerco un onda che da lenta poi risale ma che sia sinuisoidale “

Io vorrei inventare solo un' onda sinusoidale poi andrei a ballare
insieme al vento non lo so fare

vivo in bilico tra frequenze, dipendenze, variabili
il ritmo del cuore è solo la somma di due metà
non riesco a farmi capire con semplice rime o metafore 
noi stiamo vivendo una fase 
ipocrita colpa del nostro bon ton

“...dovrei toccare più che un' onda , una Gioconda ...”

Io vorrei inventare solo un' onda sinusoidale 
poi andrei a ballare
luoghi sintetici da conquistare , ma non lo fare 
io vorrei pensare 
sopra un onda sinusoidale
Sai, si puo' arrivare

dove nemmeno dti puoi immagginare

Io vorrei inventare solo un' onda sinusoidale 
poi andrei a ballare 
insieme al vento ma non lo so fare

“un fenomeno ondulatorio è solo un fenomeno periodico
sia nel tempo ...che... nello spazio”

io vorrei ballare
come un onda sinusoidale
poi andrei a cercare
luoghi sintetici da consumare
io vorrei pensare 
come un onda sinusoidale 
poi dovrei fermare 
questa onda sinusoidale




Commenti

Post popolari in questo blog

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.

Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.
Genere: post rock/progressive/psychedelic Label: Orange Park Records Distribuzione digitale: Believe
Streaming https://open.spotify.com/artist/2bA5BtM2EiK7JqbRjsWNaW
https://soundcloud.com/bridgendproject/sets/rebis/s-hPXkC
Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.
Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse…

Metamorfosi - La luce del cambiamento: esce il nuovo singolo "Light"

Terzo estratto dall'album Chrysalis della band laziale, un piccolo elogio indie pop a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie.
Genere: indie/rock Etichetta: Mauna Loa Distribuzione digitale: Believe
Immagina di trovarti in una caverna buia dove il tuo unico punto di riferimento è un piccolo spiraglio di luce, ecco quella è Light.
Light è un piccolo elogio a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie. Il mondo corre e si rincorre senza una meta precisa e invece abbiamo bisogno di fermarci a cogliere le sfumature, ascoltare la nostra anima, cercare la nostra meta, la nostra "Light".
La melodia di questo brano, come racconta la band, è nata tempo fa giocando attorno al tema di Blue In Green di Miles Davis e Bill Evans. In fase di arrangiamento poi v'era il desiderio di trovare qualcosa che spezzasse il mood del resto del disco in registrazione.
Volevamo un groove sostenuto e un riff sbilenco, un qualcosa di più cattivo che ci ricordasse i …

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters

Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.
Genere: rock/pop rock/hard rock Label: iM Classic (EU) Distribuzione: iM Classic (EU)
Streaming https://soundcloud.com/user-226312848/sets/endless-mirage https://open.spotify.com/album/4xS10nhXrMPCo2oeiI31et

Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.
Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.
Il disco si apre con Endless e continua s…